da Granaccia e Rossi di Liguria 2019: Giuseppe Parenti, rotta sulla Granaccia di Quiliano di Sabrina Rossi

“Compriamo la macchina o un bosco?” Sembrava una battuta ed è diventata una scelta di vita. Il bosco sono diventati  ettari di vigna e poi vino. Ed oggi quella di Giuseppe Parenti e della sua compagna più che una storia è la dimostrazione delle cose positive e costruttive che possono nascere quando vino, storia e territorio si incontrano, di come con questi ingredienti si possano cambiare le nostre prospettive future.

Sulle colline di Quiliano la parola “Granaccia” non è soltanto sinonimo di vino, ma anche di tradizione, territorio e passione.

E adesso la Granaccia rappresenta uno dei migliori vini d’Italia e del mondo grazie al costante lavoro e impegno di piccoli produttori radicati nel territorio.

Giuseppe Parenti, titolare dell’azienda agricola Viarzo dopo una lunga esperienza nella navigazione, decide di trasferirsi stabilmente nel Comune di Quiliano. Qui, a partire dal 2010, proprio dopo il fatidico interrogativo:  «Compriamo un bosco o una macchina?», inizia a dare avvio alla sua produzione vinicola.

“Sicuramente è stato meglio scegliere il bosco – afferma Parenti – ma la Granaccia non è una cosa semplice. E’ un vitigno delicatissimo e va curato sempre e costantemente, ma il risultato poi ti riserva  una grande soddisfazione”.

Ha iniziato con l’acquisto di 300 barbatelle, con la rivalutazione di alcuni terreni, con l’acquisto di vigne abbandonate occupandosi di risistemarle.

Successivamente ha cominciato a “studiare”. Si è recato in Spagna, patria della Granaccia, per apprendere le tecniche di coltivazione, si è confrontato con altri viticultori, ha copiato, ha appreso, poi ci ha messo del suo. Parenti nelle sue vigne applica un metodo alla “vecchia maniera”: la vinificazione avviene in vasche di cemento per poi passare in botti di legno da 600 litri, in cui all’interno il vino si affina. Il risultato a detta degli esperti e del pubblico è più che positivo.

Al momento l’azienda Viarzo possiede circa un ettaro e mezzo di terreno piantato e coltivato per la Granaccia, ma le ambizioni e i risultati fanno pensare in grande.

Nel 2016 la Viarzo ha partecipato ad un concorso internazionale e mondiale della Granaccia, Grenaches du Monde, rientrando tra i primi 200 premiati e vincendo la prima medaglia d’argento. La seconda è arrivata nel 2017 in Spagna.

La produzione di vino  della cantina solitamente si aggira intorno alle 10.000 bottiglie; quest’anno sia per l’incessante maltempo, sia per la presenza di piante ancora piccole, si raggiungeranno le 4.000 bottiglie, ma pare di buona qualità.

E’ stata una scelta di territorio e di prospettive quella di Giuseppe Parenti. Una scelta senza dubbio faticosa, ma che visti i risultati di preannuncia ricca di gratificazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close