Lorenzo Turco: “La Granaccia? La mia vita. Da sempre”

dall’intervista di Mario Muda durante Granaccia & Rossi di Liguria Sabrina Rossi cosi ci presenta Lorenzo Turco, viticulture e ristoratore di Quiliano produttore in primis di Granaccia, da sempre.

E’ una storia d’amore, tradizione e fatica quella per la Granaccia. Una storia che nasce sin da bambino fra boschi e vigneti sulle colline del Comune di Quiliano e là, ove tutto avviene, nella cantina insieme ai “più grandi”. Un po’ per gioco, curiosità e un po’ per sentimento  ancora acerbo, ma che giorno dopo giorno stava maturando.

Da adulti poi qualcosa cambia. La passione e l’amore evolvono, ma bisogna anche fare i conti con la realtà: gestire un’azienda richiede responsabilità, costanza, sacrificio. Tutti elementi fondamentali, che però portano a ottimi risultati.

Questa è la storia di Lorenzo Turco e della sua famiglia, punto di riferimento e produttore della Granaccia. La sua azienda a conduzione familiare è presente sul territorio dal 1898, anno inciso sulla pietra di una parete della struttura, pertanto la produzione di vino è una tradizione da sempre.

Quando la famiglia Turco ha deciso di investire per ingrandire la propria azienda, ha puntato più sulla coltivazione della Granaccia espiantando vigneti di Buzzetto, vino bianco caratteristico della zona.

Così, con molta fatica ed impegno, i sogni sono ben presto diventati realtà ottenendo quattro ettari e mezzo di terreno dedicati alla Granaccia ed una produzione di vino elevata, circa  25 mila bottiglie l’anno.

“E’ un’azienda che ha bisogno ancora di crescere un po’ come vigneti per poter raggiungere una produzione di almeno 50 mila bottiglie – ha affermato Lorenzo Turco – e per coprire anche ambiti  nazionali”.

Ma nel 2006 un altro sogno si è realizzato: l’apertura del ristorante, una realtà affascinante in cui piatti tipici liguri di un tempo vengono accompagnati dal vino, il prodotto finale di tanta fatica e impegno ma che porta a un’enorme soddisfazione.

Una vita che ruota attorno alla terra, ai vigneti, alla cantina mantenendo sempre acceso questo amore consolidato negli anni.

“Se la Granaccia – ha sottolineato Turco – presente a Quiliano da tantissimi anni ha  messo radici stabili ed ha preso piede nel territorio è grazie alla mia famiglia”.

Si guarda al futuro con ottimismo e impegno anche se questa, per la Granaccia, è stata un’annata complicata a causa del maltempo. Si tratta di un vitigno molto delicato che soffre particolarmente le intemperie.

Se durante la fioritura prende umidità, i grappoli diventano radi e si rischia di ottenere un quinto del vino che si dovrebbe produrre.

Cose messe in conto che si battono con l’impegno e la passione e  l’azienda Turco che ha sempre puntato sulla qualità non si è mai arresa davanti alle difficoltà. Fanno parte del gioco. Rischio, passione e impegno. E i risultati arrivano.

(Sabrina Rossi)

Lorenzo Turco e Collaboratore
Turco – Quiliano
Categorie Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close